Salone Internazionale del Libro di Torino. Edizione 2010

Torna il grande appuntamento con i libri, la lettura e la fantasia. Anche quest’anno, si rinnova l’appuntamento con il Salone Internazionale del libro di Torino, edizione 2010.

Il Lingotto Fiere di Torino, centro espositivo e commerciale, ogni anno nel mese di maggio ha l’onore di ospitare questo importante e attesissimo evento, ormai divenuto la più importante manifestazione italiana dedicata all’editoria, alla lettura e alla cultura, e una delle più grandi in Europa.

Giunto ormai alla sua 23° edizione, il Salone si svolgerà dal 13 al 17 maggio 2010, con il seguente orario di apertura: giovedì, domenica e lunedì dalle 10 alle 22, e venerdì e sabato dalle 10 alle 23. Se tutto procede come l’anno passato, secondo le stime, all’esposizione saranno presenti più di 300.000 visitatori.

Convegni, incontri, dibattiti, laboratori, giornalisti, fotografi e importanti ospiti faranno da cornice a quest’occasione unica dove la cultura, la creatività e la curiosità s’intrecceranno tra le pagine di un libro dalla copertina colorata o tra le timide parole di un giovane scrittore emergente…e sognante.

Quest’anno a fare da tema conduttore, la Memoria, elemento su cui riflettere attentamente, su cosa è diventata per noi ai giorni d’oggi, su cosa rappresenta e come la utilizziamo. Dall’avvento della tecnologia e dalla presenza sempre più incombente e dominante di vaste banche dati che gestiscono gran parte dei nostri impegni, scaturiscono mille domande nei confronti del nostro rapporto col passato, che sembra essersi fatto sempre più distratto e intermittente.

Torna quindi la grande questione, il grande dilemma, la domanda da un milione di dollari, il delicato rapporto fra tradizione e innovazione: che cosa conservare e cosa buttare? Per dire la vostra o semplicemente per sentire che cosa ne pensano gli altri, Torino vi aspetta al suo complesso espositivo dal 13 di maggio.

Presenti all’esposizione, vi saranno grandi nomi come Umberto Eco, il regista Giuseppe Tornatore e il francese Claude Lanzmann, autore del monumentale film-documentario sulla Shoah, ma anche della travolgente autobiografia “La lepre della Patagonia”, sull’uso cinematografico e letterario della memoria.

Questi dunque i temi che si articoleranno tra i sentieri così diversi e così vicini di scienza, letteratura, storia e arte, e che saranno al centro del palcoscenico del Salone Internazionale del Libro di Torino 2010.

Inoltre, ricordiamo il Bookstock Village, l’angolo dedicato esclusivamente ai più piccini: un intero padiglione per bambini e ragazzi all’insegna del divertimento, dei giochi e della fantasia. Previsti laboratori, incontri, letture, animazioni e multimedialità a 360° per avvicinare i più piccoli alla lettura e alla cultura, per coloro che un giorno costruiranno il nostro domani.

Il Salone inoltre, da sempre rappresenta un’ottima opportunità per incontrare e conoscere figure professionali e qualificate del mondo del libro come editori, librai, bibliotecari, insegnanti, agenti, traduttori: tutte quelle figure che si nascondono dietro alle pagine di un buon libro (e dietro a una buona copertina!) e che spesso sono lasciate in penombra.

L’International Book Forum è lo spazio dedicato allo scambio dei diritti di edizione, traduzione e trasposizione audiovisiva delle opere letterarie. Ecco perciò, una buona occasione per trovare buoni contatti :-)

Inoltre, torna il “Premio Salone Internazionale del Libro” con i tre finalisti Paul Auster, Carlos Fuentes e Amos Oz. Tre maestri indiscussi della cultura mondiale, si contenderanno il premio finale come riconoscimento per l’opera che ha saputo fare della letteratura uno strumento irrinunciabile di conoscenza. Imperdibile!

Questi e molti altri appuntamenti vi aspettano quindi dal 13 al 17 maggio 2010 al Lingotto Fiere di Torino.

Per ulteriori informazioni su eventi a Torino, vi ricordiamo il sito continuamente aggiornato www.aboutturin.com, l’utile e pratica guida turistica di Torino online.

Be Sociable, Share!

This post is also available in: Inglese



Comments are closed.