Isole Mai Trovate a Genova

No, non si tratta di nuove scoperte geografiche, ma di un’originale mostra tenuta a Genova!

Il Palazzo Ducale di Genova ospiterà infatti a partire dal mese di marzo la mostra “Isole mai trovate – Undiscovered Islands”, un progetto di livello internazionale.

Questa è la prima tappa di un itinerario che vedrà le opere esposte in Francia, Grecia e Spagna, un progetto curato da Lóránd Hegyi, Direttore Generale del Musée d’Art Moderne di St.Etienne, il museo che ospita la terza collezione più importante di Arte Moderna di Francia.

Le opere in esposizione sono la creazione di oltre 40 artisti internazionali di fama mondiale che per l’occasione hanno rappresentato la loro ‘isola mai trovata’, una metafora per indicare quella parte di vita, di ricerca interiore o di progetto umano che si vuole raggiungere.

E le “isole” sono emblema della zona individuale e soggettiva, della parte più profonda e nascosta della nostra interiorità nelle quali ciascuno cerca di comunicare il proprio linguaggio e renderlo comprensibile agli altri. La propria visione del mondo insomma.

Ogni artista ha rappresentato la propria isola interpretando quelle che sono le proprie emozioni e i propri sentimenti attraverso dei simbolismi, restituendoli al pubblico con l’ausilio del materiale. Quei sentimenti e quelle emozioni che li faranno navigare verso la propria meta, verso la propria isola, alla ricerca del loro io interiore.

Tra i molti artisti degni di nota, vi citiamo alcuni nomi: Alice Aycock, Carlos Garaicoa, Frauke Bogasch, Gilbert & George, Dennis Oppenheim, Tony Cragg, Jannis Kounellis, Jan Fabre, Ilya Kabakov, Gloria Friedmann e Anne et Patrick Poirier.

Tony Cragg, vincitore di molti premi, ha realizzato assemblaggi e sculture biomorfe utilizzando materiali trovati e di recupero ai quali ridona nuova vita e forma.

Jan Fabre è un artista fiammingo a tutto tondo: visivo, coreografo, regista, scrittore; da anni rappresenta una delle più spiccate personalità della scena artistica europea, e con spirito di provocazione, realizza opere e installazioni con insetti morti e soggetti naturali. Centrale in lui è inoltre la sfacciata esplorazione del corpo umano.

Questi ed altri autentici geni dell’arte contemporanea vi aspettano al Palazzo Ducale di Genova fino a giugno 2010.

Per ulteriori informazioni su eventi, musei e monumenti a Genova, o per una guida turistica sulla Liguria, c’è www.aboutliguria.com

Be Sociable, Share!

This post is also available in: Inglese



Comments are closed.